Umbria
Banner Advertisement - esposizioni:  - click:
Centri benessere  | Terme  | Itinerari  | Storia  | Arte  | Prodotti Tipici  | Parchi  | Sport  | Università  | Aziende  | Associazioni  | Teatri  |    

Bookmark and Share


1051   




Costruzioni storiche | Mura Saracene a Pietrauta | Montefalco

Lungo la strada provinciale, in località Mura Sarocene, su un elevato pianoro, esistono dei ruderi di opera romana, forse appartenenti ad una villa. Lo zona è nota fin dal secolo XVII per il ritrovamenti di epigrafi e di altre sculture. Nelle immediate vicinanze furono trovati due oppi funerari che oggi si possono vedere murati sulla facciata della vicina Osteria di S. Marco.

Disponibile una fotografia
Continua...


Chiese | Chiesa della Madonna della Rosa | Bevagna

Dopo la visita a Bevagna, percorrendo il decumano della consolare, si esce da porta Foligno per arrivare alla chiesa della Madonna della Rosa. Fu eretta nel 1691, con un`interessante pianta ottagonale, per accogliere l`immagine miracolosa di una Maestà rappresentante la Madonna con una rosa in mano. La chiesa attualmente è chiusa. Girando dietro la chiesa si giunge ad una vasta cavità ellittica detta Imbersato, che era l`antico anfiteatro di Mevania. Il nome attuale, corrotto, le deriva dalle voci del latino tardo bersae, bersare, in rapporto con la caccia, da ricollegarsi all`uso che si faceva negli anfiteatri per le venationes (spettacoli di caccia alle fiere). Non rimangono visibili le strutture dell`anfiteatro il quale era in parte costruito e in parte scavato nella roccia. Nei pressi luogo di ristoro.

Disponibile una fotografia
Continua...


Chiese | Chiesa di Santa Maria della Vittoria | Foligno - fiamenga

Lungo il rettilineo della Flaminia, prima di entrare alla Fiamenga, a sinistra, la chiesa di s. Maria della Vittoria. E` una cappella a pianta rettangolare che è stata probabilmente ingrandita, sulla fiancata di destra si vede chiaramente l`intervento di ristrutturazione. E’ una piccola chiesa rurale di antica origine, compare documentata nel 1239, ed è orientata con la facciata verso la via consolare. Linterno è ad unica sala con tetto a capriate ed affreschi votivi. Proseguendo si entra nel villaggio rurale, che si sviluppa lungo la via Flaminia. Nei pressi luogo di ristoro.

Disponibile una fotografia
Continua...


Costruzioni storiche | Monumenti funebri | Foligno

Lungo il tratto rettilineo, da Bevagna a Foligno, si incontrano ai lati della strada, alti manufatti realizzati in calcestruzzo romano. E` quello che rimane dei monumenti funebri romani costruiti lungo la strada consolare. Quello che rimane non è altro che la struttura interna del monumento che, in origine, era ricoperta di marmi con l`epigrafe del defunto.

Disponibile una fotografia
Continua...


Chiese | Chiesa della Madonna della Fiamenga | Foligno

Attualmente funge da spartitraffico, anticamente s itrovava nel punto di congiunzione della Flaminia con la strada che portava alla città romana di Spello. E` di antica origine; compare per la prima volta privilegio del 1138, ed è perfettamente allineata alla strada consolare, ma non orientata corretttamente secondo l`uso delle altre chiese romaniche. La copertura è a botte a sesto acuto, senza imposta. La facciata è a salienti, con campanile a vela e portalino architravato. Questo, in origine, doveva essere ad una o due ghiere, come è comune in questa zona e come si nota dalla tamponatura alla destra del portale. AIlinterno affreschi del XV e XVI secolo, in parte coperti da intonaco. Quelli dell`abside, sono da attribuirsi al Mezzastris. In basso, da notare, uno dei pochi panorami esistenti di Foligno medievale dipinto sul finire del 1400. Il pittore ritrasse la città dalla vista da Spello: si vedono le mura, le porte, la torre dei Cinque Cantoni e, a sinistra, la parte superior

Disponibile una fotografia
Continua...


Chiese | Chiesa di San Giovanni Battista | Foligno

La chiesa sorge sull`area archeologica di Forum Flaminii, municipio romano fondato dal console Flaminio nel 220 a.C. e, secondo la tradizione, distrutto da Liutprando nel secolo VIII. San Feliciano, santo martire di Foligno, fu il suo primo vescovo. La chiesa oggi esistente fu eretta intorno al 1231, in gran parte con materiale di spoglio ricavato da precedenti costruzioni. La facciata, preceduta da un piccolo spazio alberato; presenta un bel portale con doppia ghiera a rincassi. All`imposta dell`arco capitelli con l`immagine del Papa scolpiti da Maestro Filippo nel 1231. L interno, ad unica navata, presenta il presbiterio sopraelevato con un ciborio di ricostruzione. Al di sotto una splendida cripta a tre navate con colonne provenienti da edifici romani e frammenti altomedioevali. Perla visita rivolgersi al parroco. Nei pressi della chiesa sistemazioni idrauliche della fine dell`Ottocento realizzate per fornire energia idraulica ai mulini a grano ad olio ancora oggi esistenti.

Disponibile una fotografia
Continua...


Costruzioni storiche | Sostruzioni | Valtopina

Sostruzioni Voltopina - loc. Ponte Rio km. 35,6 del percorso Nei pressi di Ponte Rio, nelle vicinanze di casa Gallina, si può vedere una singolare costruzione realizzata dai Romani. Il muro è costruito con grandi coi squadrati di pietra "spugna", con angoli smussati e ben connessi a secco. Esso è visibile per una lunghezza di circa 100 mt. e per un`altezza di circa 5, ed è rinforzato da i contrafforti a base rettangolare. II muro sorreggeva la via Flaminia sovrastante cl tempo stesso conteneva la spinta del terreno che in questo tratto scende ripido verso il fiume. Il manufatto è databile in età adrianea.

Disponibile una fotografia
Continua...


Itinerari | Percorso dei Benedettini | Valtopina, Spello, Foligno

PERCORSO DEI BENEDETTINI da Valtopina a Bevagna km. 30,4 - percorso complessivo in auto o bicicletta - percorsi parziali a piedi e a cavallo fra Vaitopina e Spello e fra Spello e Budino Si parte dal centro espositivo di Valtopina ove si svolge in novembre la mostra mercato del Tartufo. La zona infatti è ricca del pregiato tubero che si può degustare nei numerosi ristoranti della zona. Si attraversa la ferrovia e si gira a destra per l`abitato di Valtopina, che si è sviluppato lungo il tracciato della Flaminia consolare. Subito dopo il ponte, che supera il torrente l`Anna, si gira a sinistra in direzione Villamare e si percorre il fondovalle del torrente. A circa 800 mt. dall`inizio del percorso, prendendo una deviazione a sinistra si arriva al lago artificiale di Rancole ove viene praticata la pesca sportiva. Si percorre lo stretto fondovalle ricco di vegetazione tipica della macchia mediterranea alternata a campi coltivati di granoturco, grano, insieme a filari di viti a volte m

Disponibile una fotografia
Continua...


Costruzioni storiche | Marcofrate | Valtopina

Marcofrate Voltopina - loc. Marcofrate II nome deriva da fratello Marco riconducibile ad un`origine francescana. La costruzione più imponente sulla destra sorge su un basolato di età romana, ma risale al XV secolo dalla tipologia delle singolari arcatelle di facciata. La chiesetta adiacente è del XVI secolo e probabilmente è stata costruita su un tempio pagano d età italica.

Disponibile una fotografia
Continua...


Costruzioni storiche | Mulino Buccilli | Valtopina

Mulino Buccilli Voltopina - loc. Mulino di Valentino In questa gola il corso dell`Anna riceve le acque di altri torrenti ed il paesaggio è particolarmente integro, con il laghetto della raccolta dell`acqua, il mulino, l`aia con il pagliaio. Il mulino fu costruito nel 1861 e da allora ben poche variazioni sono state apportate alla costruzione ed all`ambiente circostante. Il mulino di Valentino o di Buccilli è uno dei pochi mulini ad acqua ancora funzionante. I proprietari da anni si dedicano alla pulitura ed alla macinazione del grano; sono abituati alla visita di turisti, soddisfano la loro curiosità mostrando le varie fasi della molitura, appagano il loro gusto ed olfatto cuocendo nel forno il pane preparato in casa secondo il metodo tradizionale e con la farina appena macinata.

Disponibile una fotografia
Continua...


Costruzioni storiche | Abbazia di San Silvestro | Spello

L`abbazia di san Silvestro sul Monte Subasio presso il castello di Monte Lupino, così era chiamato Collepino, fu fondato circa il 1025 e da Eugenio III nel 1152 fu unito al sacro eremo di Camaldoli. In origine il complesso abbaziale era molto vasto ed i resti si vedono sparsi intorno all`attuale chiesa. Si possono ancora vedere parte del muro di cinta, la torre campanaria ed alcune delle murature del convento. Dell`antica chiesa rimane una porzione della sala, con l`abside; la parte anteriore crollò in seguito all`abbandono. Linterno conserva l`altare costituito da un sarcofago romano, sotto un`interessante cripta con volta sorretta da tre pilastri. Queste nella tradizione popolare avevano una funzione apotropaica. Chi aveva problemi di artrosi appoggiandosi alle colonne, dopo aver bevuto l`acqua della fonte sottostante, poteva essere guarito dalle malattie reumatiche. Attualmente l`area è stata trasformata in un eremo per meditazione e preghiera dalle Piccole Sorelle di Maria.

Disponibile una fotografia
Continua...


Costruzioni storiche | Monastero di Vallegloria | Spello

Sulla strada che va da Spello a Collepino, si trova l`eremo di Vallegloria, oggi di proprietà,privata ed usata da congregazioni religiose. Dai pochi documenti esistenti si deduce che l`edifico originale fu costruito nel 560 per opera dei primi seguaci di San Benedetto da Norcia, che la destinarono alle loro monache benedettine. Nel 1215, con il dilagare del fenomeno francescano, le Benedettine chiesero di passare Clarisse e rimasero qui fino al 1320, quando scesero nella città di Spello nell`omonimo monastero. Ledificio che un tempo era destinato al culto è certamente la parte più interessante del complesso.

Disponibile una fotografia
Continua...


Chiese | Chiesa di San Girolamo | Spello

Sotto la strada per Collepino il complesso conventuale di san Girolamo, oggi adiacente il cimitero di Spello. La chiesa fu costruita nel 1474, è preceduta da un elegante portico rinascimentale di ordine ionico, attribuito a Rocco da Vicenza, sotto il quale si trovano affreschi del XV - XVI secolo, raffiguranti tra gli altri san Francesco stimmatizzato di Pier Antonio Mezzastris, e la cappella del Sepolcro con una Epifania di scuola del Pinturicchio. L`interno è barocco, riccamente decorato con stucchi policromi del secolo XVIII e dipinti su tela coevi. Nel vicino chiostro, con piccolo portico e pozzo, con affreschi di Tommaso Corbo. Il convento di San Girolamo è affidato dal 2010, alla gestione, dell’Azione Cattolica, di concerto con il comune di Spello (http://www2.azionecattolica.it/spello/casa-san-girolamo-spello)

Disponibile una fotografia
Continua...


Palazzi storici | Villa Fidelia | Spello

Villa Fidelia, ora Costanzi, sorge su un santuario romano costruito a terrazzamenti, facente parte di un complesso pubblico comprendente anche il teatro e le terme. Lorigine della Villa risale al XVI secolo, quando la famiglia Urbani, proprietaria dei terreni, riutilizzò i terrazzamenti per reimpiantarvi vigneti ed uliveti, e sulle fondamenta del tempio eresse gli edifici agricoli e la casa padronale con giardino all`italiana,ampliata nel `700 e successivamente nell`800. La villa oggi contiene la collezione Straka Coppa che ha origine dal collezionismo d`arte e antiquariato della famiglia Coppa.

Disponibile una fotografia
Continua...


Chiese | Chiesa di San Claudio | Spello

Costruzione romanica della fine del sec. XII, sorta sui resti di un edificio romano, con facciata simmetrica a tre portali. La tradizione vuole che sia stata eretta con pietre ricavate dalle rovine del vicino anfiteatro romano. L`interno è asimmetrico, a tre navate, con arcate sostenute a sinistra da pilastri, a destra da colonne. Laltare è formato da un pilastro e da un coperchio di sarcofago romano. Labside era affrescata da pitture del 1393 di Cola Petruccioli, ora andate quasi completamente distrutte. Lungo le pareti sovrastanti le arcate e sui pilastri rimangono altri affreschi votivi.

Disponibile una fotografia
Continua...


Chiese | Anfiteatro romano | Spello

L`anfiteatro romano si trova lungo la Centrale Umbra di fronte la chiesa di san Claudio. Un`iscrizione trovata fra le rovine sembra datarlo al I secolo. Era a forma ellittica con il diametro maggiore di 108 metri ed il minore di 82. Non è possibile determinare l`alzata e la pianta dell`arena. C`erano due ingressi principali, uno dei quali è stato messo in luce da recenti scavi.

Disponibile una fotografia
Continua...


Chiese | Mausoleo | Spello

Presso il Vocabolo Cinque Vie per la strada che da Spello porta a Cannara sono visibili i resti di quella che fu una delle zone cimiteriali più ricche dell`antica Hispellum. Oggi, di quella necropoli, rimane solo un monumento funerario, probabilmente di una nobile famiglia romana, scoperto nel 1390; di questa tomba resta una piccola cella con due nicchiette laterali. In terra si vedono i resti di un mosaico a tessere bianche e nere. All`epoca della scoperta, nella nicchia maggiore, fu dipinta l`immagine della Madonna e del Bambino. Nel 1595, a seguito di un miracolo, questo monumento fu inglobato nella nuova chiesa che la Compagnia di s. Gregorio fece erigere in onore del santo protettore. All`esterno della costruzione sono stati isolati i resti del sepolcro, innestato alla struttura della chiesa. Questa Necropoli sorgeva lungo uno dei decumani minori che collegava Spello a Bevagna. L`esistenza di questa via è testimoniata da due iscrizioni: una era murata all`esterno della chiesa,

Disponibile una fotografia
Continua...


Itinerari | VIA PLESTINA da Foligno a Colfiorito | Foligno

VIA PLESTINA da Foligno a Colfiorito km. 28 - percorso complessivo in auto o bicicletta - percorsi parziali a piedi e a cavallo da Belfiore a Serrone, da Rasiglia a San Paterniano, da Casenove a Colfiorito - percorsi in canoa nella palude di Colfiorito Si parte da Foligno dalla Madonna della Fiamenga situata all`incrocio di viale Firenze con la Flaminia Romana. La chiesa del XIII-XIV conserva all`interno un affresco nel catino absidale raffigurante Madonna col Bambino, Santi e Sibille, e sullo sfondo una veduta di Foligno della fine del sec. XV del pittore folignate Pierantonio Mezzastris (14301506). Superato l`incrocio si prosegue ad est percorrendo un tratto del raccordo per la S.S. 75, subito dopo il cavalcavia ferroviario, si gira a destra per una breve discesa, percorsa la quale si mantiene la sinistra e poi al primo incrocio si volta a destra per via dei Trinci. Giunti in fondo alla via si volta a sinistra percorrendo la strada che conduce a S. Giovanni Profiamma lu

Disponibile una fotografia
Continua...


Chiese | Chiesa di San Giovanni Battista | Foligno - San Giovanni profiamma

Chiesa di San Giovanni Battista La chiesa sorge sull`area archeologica di Forum Flaminii, municipio romano fondato dal console Flaminio nel 220 a.C. e, secondo la tradizione, distrutto da Liutprando nel secolo VIII. San Felicitino, santo martire di Foligno, fu il suo primo vescovo. La chiesa fu eretta intorno al 1231, in gran parte con materiale di spoglio ricavato da precedenti costruzioni. La facciata, preceduta da un piccolo spazio alberato, presenta un bel portale con doppia ghiera a rincassi. All`imposta dell`arco capitelli con l`immagine del Papa scolpiti da Maestro Filippo nel 1231. Linterno, ad unica navata, presenta il presbiterio sopraelevato con un ciborio di ricostruzione. Al di sotto una splendida cripta a tre navate con colonne provenienti da edifici romani e frammenti altomedioevali. Per la visita rivolgersi al parroco. Nei pressi della chiesa sistemazioni idrauliche della fine dell`Ottocento realizzate per fornire energia idraulica ai mulini a grano ad olio ancora

Disponibile una fotografia
Continua...


Chiese | Chiesa di San Niccolò | Foligno - belfiore

Già dipendente dal monastero di Sossovivo, sin dal sec. XIII, è ora chiesa parrocchiale retta da un priore; fu completamente rifatta nella prima metà del secolo XVIII. A sinistra: sul primo altare trionfo di s. Benedetto, a sinistra un santo abate, a destra un santo eremita, tela dal sec. XVIII; sul secondo altare Madonna del Rosario contornata dai 15 misteri del sec. XVIII. A destra: sul primo altare Madonna del Carmine con un santo vescovo e una santa del sec. XVIII; sul secondo altare Crocifissione col Padreterno e lo Spirito Santo, in basso la Madonna, la Maddalena, Maria Cleofe, s. Giovanni Battista di autore manierista del sec. XVI-XVII. Nel presbiterio due affreschi del sec. XVIII; a sinistra Sacra Conversazione con Gioacchino, s. Giuseppe, la Madonna, s. Elisabetta, Gesù e s. Giovannina; a destra Gesù adorato da quattro santi, tra cui s. Filippo Neri e s. Luigi Gonzaga; dietro l`altare tela a sesto tondo del sec. XVIII, Madonna col Bambino affiancata da s. Giuseppe e con s.

Disponibile una fotografia
Continua...


Costruzioni storiche | Eremo di S. Maria Giacobbe | Foligno - loc. Pale

Santuario di frontiera, posto al limite dei territori parrocchiali delle diverse comunità della montagna, l`eremo di S. Maria Giacobbe funzionava come centro di incontro, scambio, aggregazione non solo religiosa ma anche sociale e culturale. La fondazione dell`eremo risale presumibilmente alla metà del sec. XIII, ma si trova documentato solo a partire dal 1296, quando risulta già dotato ampiamente di beni. Costituito da edifici di epoche diverse, varie volte riadattati, è ricavato al di sotto di un`ampia rientranza della parete rocciosa che funge da volta. La costruzione più antica è la chiesa - alla quale si accede per un portale in pietra asimmetrico rispetto alla facciata - costituita da un vano rettangolare. L’interno è decorato da una molteplicità di affreschi, di epoca e mano diversa, ma di pregevole importanza per la storia della pittura umbra, per cui non si esclude I` influenza dei monaci della vicina abbazia di Sassovivo e la committenza della nobile famiglia dei Tri

Disponibile una fotografia
Continua...


Territorio | Sasso di Pale | Foligno - loc. Pale

Il Sasso di Pale domina, con la sua caratteristica mole piramidale, la vasta piana di Foligno. A meridione è nettamente tagliato da una ripida parete di calcare, spessi strati di calcare massiccio, inclinati e spezzati dalle spinte tettoniche che sollevano l`Appennino, ne delineano l`architettura, che incombe sulla valle del Menotre, a monte della sua confluenza con il Topino. II Menotre, forse per antichi sbarramenti, ha qui deposto una spessa piastra di travertino - vi è anche una piccola grotta da visitare, ricca di concrezioni - sulla quale si è arroccato il borgo di Pale, ancora cinto di mura. II borgo controlla la sottostante ampia valle, colma di uliveti che risalgono fitti i versanti montani, lungo i quali, per l`antichissima via Plestina, si saliva dalla Flaminia agli altopiani di Colfiorito. In alto, in una concavità della parete, abbarbicato allo scoglio con cui sembra fondersi - vi si arriva a piedi dal paese, lungo un erto sentiero - è l`Eremo di S. Maria Giacobbe.

Disponibile una fotografia
Continua...


Costruzioni storiche | Madonna del Sasso o dello Scoglio | Foligno - loc. Scopoli

Si tratta di un`edicola che si erge al di là del fiume Menotre in posizione sopraelevata, fra la comunità di Scopoli e quella di Leggiana, poco distante dalla S.S. n. 77 Val di Chienti da cui è ben visibile. Non è noto quando esattamente fu costruita, ma di essa si parla nel resoconto di una visita apostolica avvenuta nel 1573, in cui viene denominata Madonna di Sasso Marina. Un altro documento attesta che la costruzione è anteriore al 1490, si tratta di un lascito testamentario di 20 fiorini pro opera per la risistemazione dell`edicola. E` meta di pellegrinaggi il lunedì di Pasqua, quando le collettività di Scopoli e di Leggiana in processione si riuniscono e convergono all`edicola, quindi si dirigono al cimitero che si trova proprio di fronte, dall`altra parte della strada statale. Il fatto che la processione avvenga all`indomani di una solennità è indice sicuro dell`antichità della processione stessa, inventata per una festa veramente popolare. II Santuario si trova a confine tr

Disponibile una fotografia
Continua...


Chiese | Chiesa di S. Maria Assunta | Foligno - loc. Serrone

Serrone è una piccola villa di transito legata alle modeste correnti di traffico di un itinerario, parallelo prima al corso del Vigi, poi a quello del Menotre, che costituiva uno dei collegamenti tra la strada della valle del Nera e quella che da Foligno risaliva l`Appennino fino al Valico di Colfiorito ed alla Marca Camerte, terra anch`essa della Chiesa. A circa due chilometri verso ovest si trova la località di Casenove, che nel 1621 risultava stazione di posta. All`interno della chiesa parrocchiale di s. Maria Assunta, nell`altare di destra, si conserva la bellissima tela, opera del cd. Maestro di Serrone, raffigurante la Bottega di san Giuseppe.

Disponibile una fotografia
Continua...


Chiese | Santuario della Madonna delle Grazie | Foligno - loc. Rasiglia

La chiesa fu eretta alla metà del sec. XV (precisamente il 1 5 agosto del 1450) sul gretto del fosso Terminara, affluente del Menotre, ma su territorio di Verchiano, comunità confinante, rivale ed appartenente a diocesi diversa. La scelta del sito per la sua fondazione è legata al ritrovamento "miracoloso" di una statua della Madonna che, più volte trasportata nella parrocchiale di Verchiano, migrò sempre, per mano angelica, sul luogo dove poi venne ritrovato. La Vergine venerata in origine, un simulacro in terracotta della Madonna adorante il Bambino, venne nel secolo XVIII sostituita con un`altra statua vestita, di maggiori dimensioni, ma di identica iconografia. II santuario, ritenuto polivalente dal punto di vista terapeutico, è meta di pellegrinaggio da parte di intere collettività o di singoli fedeli, ed è a tutt`oggi custodito da uno o più eremiti.

Disponibile una fotografia
Continua...


Chiese | Basilica di S. Maria di Plestia | Foligno - loc. Plestia

Isolato, il santuario sorge alla confluenza di antiche strade di transito, al confine tra Umbria e Marche, nell`ambito della diocesi di Nocera Umbra. Meta di pellegrinaggio annuale (prima domenica di maggio), la gente vi si reca a venerare la statua lignea raffigurante la Madonna col Bambino (copia recente di un`immagine trafugata risalente al sec. XVIII). Il Santuario, anche detto della Madonna della Neve, deve la scelta del sito su cui è costruito sia alla vicinanza con l`area archeologica dove, con forte probabilità, sorgeva una precedente basilica paleocristiana di cui non sono ancora state rinvenute tracce, sia ai superstiti delle devastazioni gotiche, longobarde ed ungare di Ottone I (930-983), i quali rifugiarono sul Monte Orve. Di particolare interesse è la cripta databile al sec. XI, suddivisa in cinque navatelle divise da dodici colonnine, disposte a tre ordini e sormontate da capitelli di reimpiego, alcuni dei quali in marmo decorato con motivi geometrici.

Disponibile una fotografia
Continua...


Info eventi | I primi d`Italia - Settembre/Ottobre | Foligno

All`appetitoso mondo dei Primi Piatti è dedicato il grande evento I Primi d`Italia. È un evento unico nel suo genere, in quanto promuove tutta la cultura del mondo primi piatti e lo fa in un modo del tutto originale immergendo il degustatore in un`affascinante universo fatto di gusto e qualità, divertimento, cultura e curiosità. L`intera città di Foligno ti invita a prendere parte ad un esperienza unica: la visita dei Villaggi del Gusto in tutte le sue forme, la degustazione del riso italiano di qualità, della migliore polenta, degli gnocchi, di ogni tipo di pasta e delle zuppe. Inoltre si può assistere alle lezioni e alle dimostrazioni dei grandi chef , abbinare i vini con i primi, divertirti con le serate di spettacolo e conoscere tutta l`arte dei primi piatti. I Primi d`Italia sono tutto questo ed ancora di più. Un evento, nella settimana a cavallo tra Settembre e Ottobre, che si rivolge a tutti, dagli operatori del settore ai semplici appassionati, senza dimenticare i bam

Disponibile una fotografia
Continua...


Info eventi | Il carnevale di Sant`Eraclio | Foligno - Sant`Eraclio

Una cronaca del 1542 narra che “nell’ultimo giorno di carnevale alcuni abitanti del Castello di S. Eraclio si recarono per le strade con pifferi e trombette", sfilando su carri ornati di frasche e fiori, ballando e cantando. Nel secondo dopoguerra il carnevale tornò a prendere prepotentemente piede, sotto la denominazione di "Carnevale dei Ragazzi". In un vero e proprio laboratorio per la costruzione di maschere di cartapesta, si preparano per tutto l`anno le allegorie che sfileranno sui carri. Temi di attualità politica e sociale, caricature di personaggi famosi occupano le strade di questo piccolo centro sorto intorno ad un Castello di pianura conservato perfettamente.

Disponibile una fotografia
Continua...


Info eventi | NEMETRIA - Conferenza su Etica ed Economia | Foligno

Ottobre) Nemetria è una associazione senza fini di lucro fondata nel 1987 da Aziende, Banche, Enti; Università che realizza attività nella specifica area del post produttivo. L`attività si esplica attraverso corsi, seminari, workshop, incontri, conferenze sui temi dell`economia, della finanza, dell`etica, della cultura di impresa, dell`organizzazione, della tecnologia, della innovazione. Ogni anno, dal 1991, promuove una "Conferenza su Etica ed Economia", con il contributo di personalità del mondo scientifico, politico e degli affari e di Nobel per l`economia. Il Presidente è il Prof. Giuseppe De Rita, mentre il Prof. Paolo Savona presiede il Comitato Scientifico.

Disponibile una fotografia
Continua...


Info eventi | GENIUS LOCI | Gualdo Cattaneo

GENIUS LOCI (luglio) Il festival nasce dalla voglia di mettere in luce e promuovere quel tocco unico e raffinato che caratterizza la città, in una formula che abbini la suggestione evocata dalla imponente Rocca, alla leggerezza ed al fascino della musica girovaga. Un duplice abbraccio fatto di     tradizione e sonorità contemporanee, tutto dedicato all`espressione più alta del Genius Loci di queste terre: il vino Sagrantino. Non a caso, è stata proprio Gualdo Cattaneo, insieme a Bevagna, Castel Ritaldi, Giano e Montefalco, teatro del cuore della produzione, a dar vita alla Strada del Sagrantino, ed alle mille iniziative ivi dislocate: ecco perché tra queste, si inserisce per intima vocazione il Festival, fucina di emozioni, dove si fondono la musica del deserto dei Berberi con l`affascinante tradizione tribale, i ritmi e i suoni di musicisti e cantanti, con i sapori delle spezie: tutti trovano nel Sagrantino un perfetto compagno di strada e di serate .... E a

Disponibile una fotografia
Continua...


<< Indietro Avanti >>
Pag: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36





Menù

Servizi

Mappa