Umbria
Banner Advertisement - esposizioni:  - click:
Centri benessere  | Terme  | Itinerari  | Storia  | Arte  | Prodotti Tipici  | Parchi  | Sport  | Università  | Aziende  | Associazioni  | Teatri  |    

Bookmark and Share


96  storia 




Storia | FOLIGNO | Foligno

Come attestano iscrizioni e tradizioni religiose, il territorio di Foligno fu abitato da popolazioni umbre. La penetrazione romana avvenne con la realizzazione della via Flaminia. L'etimologia del nome sarebbe da collegarsi ad un'origine sacrale, con riferimento all'esistenza dei culto della dea Fulginia. L'area occupata dalla città romana doveva situarsi a nord dell'attuale centro, come provano ritrovamenti di necropoli e domus. Inclusa nel Ducato di Spoleto, Foligno subì le incursioni barbariche. Numerosa la documentazione relativa alla penetrazione dei Cristianesimo. Intorno alla tomba di S. Feliciano fu eretto un nucleo edilizio che fu dapprima il Castrum e poi la Civitas S. Feliciani. Nel XII sec. si venne costituendo il Comune. Dimostratasi ghibellina, dovette subire nel 1253 un duro assedio da parte di Perugia. Nel 1264 tornarono a prevalere i ghibellini capitanati da A. Anastasi. Dal 1305 al 1439 i Trinci instaurarono nella città il loro potere come vicari pontifici. Rotta l'in

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | ASSISI |

Le origini di Assisi, come per molte altre citta' in Umbria, sono incerte. Era abitata, in origine, da una popolazione, gli umbri, insediata nel centro Italia. Successivamente risenti' dell'influenza Etrusca e Romana, com'e' ben documentato dalle numerose vestigia del "municipium" romano chiamato Asisium. Tra queste vestigia c'e', ben conservata, la facciata del Tempio di Minerva, resti del Forum, l'anfiteatro, le mura Romane.      Dopo la caduta dell' Impero Romano la citta' divenne un insediamentodei Goti, intorno al 545. Piu' tardi cadde sotto mano Longobarda. Intorno all'anno 1000, divenne un comune indipendente. Durante questo periodo conobbe uno sviluppo straordinario sopratutto grazie ai movimenti monastici (in special modo i Benedettini).      Intorno al 1180 nacque San Francesco, il piu' famoso dei suoi cittadini. Nel 1202, durante una guerra con la vicina Perugia, Francesco fu fatto prigioniero e tenuto in carcere per olt

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | TERNI |

La fondazione della città di Terni si fa risalire al VII secolo a.C., sulla base di un'iscrizione lapidea del 32 d.C., dedicata "Alla salute perpetua augusta, alla libertà pubblica del popolo romano, al Genio del municipio nell'anno 704 dopo la fondazione di Interamna sotto il consolato di Gneo Domizio Enobardo". Secondo l'iscrizione, la città sarebbe stata fondata nel 672 a.C. e anche se questa datazione non può essere presa alla lettera, in quanto relativa presumibilmente ad un mito, i riscontri archeologici testimoniano di un insediamento di popolazioni databile proprio a quel periodo (VIII-VII sec.). I primi di questi sono probabilmente ascrivibili agli Umbri o ai Sabini e l'occupazione antropica del territorio avvenne a partire dal periodo Neolitico. Intorno al III secolo a.C., fu conquistata dai Romani e la loro presenza si estese lungo la via Flaminia: i nuclei abitati sorsero in tutto il territorio, favorendo la trasformazione di alcuni centri locali in municipia e successiva

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | PERUGIA |

Perugia nacque sull'umbro Colle del Sole fra la nobile Etruria e l'aspra Sabina, poco lontana dalle rive del Tevere. La fondarono i Sarsinati, fiera gente umbra. Crebbe la popolazione e si estese il villaggio ad abbracciare più ampi spazi, dominando dall'alto gli altri villaggi sparsi tra i colli e la verde pianura. Perugia cominciò però ad acquistare una sua fisionomia cittadina solo quando, non senza feroci conflitti, fu costretta a subire il dominio etrusco. Ma Sarsinati ed Etruschi, imparentati dalla convivenza imposta dagli eventi storici, divennero un unico popolo e vissero sicuri nella città fiorente di ben avviati commerci e bella di nobili costruzioni, entro la possente cerchia di mura, di cui ancora sussistono, a ricordo di quelle epoche lontane, alcuni baluardi. Secondo la testimonianza dello storico romano Tito Livio, Perugia sul finire del IV secolo a.C. era una delle dodici lucumonie della confederazione etrusca. Perciò inevitabili furono i suoi contatti con i Romani che

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | TODI | TODI

Todi deriva dalla parola "confine" ("tutere"), oppure da "tutus" ("luogo alto e fortificato"), oppure dall'etrusco "tudicolare". Quindi esistono varie ipotesi sulle origini di Todi, ed infatti è una leggenda che narra la nascita della città..."Tutero, capo degli abitanti della Valle del fiume Tevere, stava costruendo una città vicino al fiume ed aveva già tracciato i confini. Mentre i suoi uomini desinavano all'aperto sopra ad una tovaglia, giunse un'aquila che prese la tovaglia e la portò in alto facendola cadere in cima al vicino colle. Gli abitanti della valle cosiderarono tale episodio come un segno degli dei e costruirono sul colle la città di Todi". La storia dice che Todi fu fondata dagli Umbri nel 2700 avanti Cristo; successivamente, il popolo etrusco prima e quello romano dopo (III secolo avanti cristo), se ne impadronirono lasciandovi numerose ed importanti testimonianze. Nell'88 avanti Cristo Marco Crasso spogliò dei suoi beni la città e, in seguito alla caduta dell'Impero

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Acquasparta | Acquasparta

Acquaspartani – Alt. 320 m. slm – S. Cecilia, 22 novembre La storia Le prime notizie di questo centro risalgono al 996, quando con Cesi e Sangemini entrò a far parte delle terre Arnolfe (feudo degli Arnolfi per beneficio di Ottone I). Sotto la giurisdizione dell'Abbazia di Farla nel 1118 e dei vescovi di Todi nel 1278; nel 1517 passò sotto il diretto governo della Chiesa. Visse le vicende delle lotte fra Guelfi e Ghibellini; subì gravi devastazioni ad opera dei Lanzichenecchi (1528). Eretto a Ducato nel 1588, il feudo acquaspartano rimase ai Cesi sino all'estinzione del Casato (1880). Dopo numerose vicissitudini di decadenza e cessioni nel 1609 il Principe Federico Cesi Palazzo Ducale la Prima Accademia Europea ospitando famosi e scienziati tra i quali Galileo Galilei. L’Arte Pezzi di mura, medioevali. Palazzo Cesi, del 1550. Chiesa di S. Francesco, del 1220. Chiesa di S. Cecilia, del XVI sec. Museo Comunale.

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Allerona | Allerona

Alleronesi - Alt. 472 m. slm - S. Ansano Martire, 1 gennaio La Storia Antico e importante borgo agricolo di ignote origini, sorse nell'importante Selva di Meana sulla riva sinistra del Paglia a ridosso del confine con il Lazio. Seguì le vicende storiche di Orvieto fino al sec. XV, poi fu annesso allo Stato Pontificio. Allerona raggiunse l'autonomia comunale nel 1585. L'Arte Chiesa Parrocchiale, del XV sec., nei dintorni si possono vedere notevoli resti romani. Resti di mura medioevali.

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Alviano | Alviano

Alvianesi - Alt. 252 m. slm - S. Maria Assunta, 15 agosto La Storia Alviano è un paese pittoresco dal caratteristico aspetto medioevale. Fondata nel 933 con la costruzione del fortilizio voluto da Ottone III col nome di Albianum, fu sempre sottoposta ora ad Orvieto, ora a Todi. Ristrutturata nel 1495 da Bartolomeo di Alviano, cambiò nome subendo alterne vicende. L'Arte Rocca o Castello, del 400. Museo della civiltà contadina, a memoria del bel tempo antico.

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Amelia | Amelia

Amerini - Alt. 370 m. slm - S. Fermina, 24 novembre La Storia Fondata nel 1134 a.C. dal mitico Amiro con popolazione d'origine Etrusca, Romana e Umbra, prese il nome di "Ameria". Fu fiorente municipio Romano. Durante le invasioni barbariche subì saccheggi fino ad essere quasi distrutta nel 548 dai Goti di Totila. Nel 726 Gregorio II l'assoggettò alla Chiesa. Nel 730 -740 fu occupata da Liutprando per ritornare, nel 742, nuovamente sotto il pontificato di Zaccaria. Libero Comune nel XII secolo, subì l'assedio da parte di Federico Barbarossa e fu teatro di aspre lotte intestine tra Guelfi e Ghibellini. Conservò la sua autonomia sino a quando, nel 307, fu sottomessa definitivamente alla Chiesa. L'Arte Cinta Muraria Poligonale, del VI sec. a. C. Chiesa di S. Francesco, del XIII sec. Chiesa di S. Agostino, del 1300. Duomo, ristrutturato del 1600. Palazzo Farattini. Palazzo Petrignani, del XVI sec. Palazzo Nacci, del 1300 -1400.

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Arrone | Arrone

Arronesi - Alt. 230 m. slm - S. G. Battista, 24 giugno La Storia Sul finire del sec. IX, un nobile romano di nome Arrone, inoltratosi nella Valnerina, si impossessò di uno dei promontori rocciosi che vi si ergevano e vi costruì un castello fortificato, inizialmente in legno e poi ricostruito in muratura. Questo castello fu il primo nucleo del paese, che prese da lui il nome. Il feudo in seguito giunse ad estendersi da Papigno a S. Pietro in Valle, da Miranda a Labbro, da Piediluco a Melaci e a Polino. Durante il XIII secolo gli Arroni persero progressivamente terre, autonomia e prestigio in favore di Spoleto. Gli uomini di Arrone, allora, nel 1315, riscattarono tutto il territorio comunale dagli antichi signori, si dettero uno statuto (1542) e si fecero animatori della rivolta della Bassa Valnerina contro il sistema feudale spoletino (sec. XVII-XVIII). Incendiato e saccheggiato dai francesi nel 1799, con la restaurazione del governo pontificio, furono aggregate ad Arrone come fr

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Assisi | Assisi

Assisani - Alt. 424 m. slm - S. Rufino, 11 agosto La Storia Le origini di Assisi, come per molte altre città in Umbria, sono incerte. Era abitata, in origine, da una popolazione, gli umbri, insediata nel centro Italia. Successivamente risentì dell`influenza Etrusca e Romana, com`e` ben documentato dalle numerose vestigia del "municipium" romano chiamato Asisium. Tra queste vestigia c`è, ben conservata, la facciata del Tempio di Minerva, resti del Forum, l`anfiteatro, le mura Romane. Dopo la caduta dell` Impero Romano la città divenne un insediamento dei Goti, intorno al 545. Più tardi cadde sotto mano Longobarda. Intorno all’anno 1000, divenne un comune indipendente. Durante questo periodo conobbe uno sviluppo straordinario sopratutto grazie ai movimenti monastici (in special modo i Benedettini). Intorno al 1180 nacque San Francesco, il più famoso dei suoi cittadini. Nel 1202, durante una guerra con la

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Attigliano | Attigliano

Attiglianesi - Alt. 95 m. slm - S. Lorenzo, 10 agosto La Storia Nato attorno ai secoli XI e XII (le mura risalgono al 1300), Attigliano fu in epoca medioevale sotto la giurisdizione dei Borghese e degli Orsini. Subì varie occupazioni da parte dei signori di Alviano (Liviani) e passò, nel sec. XV, definitivamente sotto lo Stato Pontificio. Il suo "castello" cinquecentesco è stato demolito nel 1964.

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Avigliano Umbro | Avigliano Umbro

Aviglianesi - Alt. 441 m. slm - S. Egidio, 1 settembre La Storia Si hanno le prime notizie storiche intorno all'anno 1000. A scoprirla furono, nel 1600, gli scienziati che fondarono l'Accademia dei Lincei, primi ad interessarsi di questi eccezionali reperti che chiamarono "metallofiti". Nella "foresta" si possono vedere una cinquantina di tronchi. Sottoposti a particolari processi di fossilizzazione "gli alberi" mantengono ancora oggi inalterata la loro natura legnosa. Torrione   Medioevale. Teatro Comunale

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Baschi | Baschi

Baschesi - Alt. 166 m. slm - S. Longino, 24 aprile La Storia Le prime notizie risalgono al 1235 quando, già fortificata, era sotto la giurisdizione dei propri signori. Pur essendo libero Comune si mantenne sotto l'influenza della famiglia Baschi sino alla metà del sec. XVI allorché, a seguito di confische perpetrate a danno dei propri signori ed alla demolizione del loro castello, entrò definitivamente nell'ambito del potere Papale. L’arte Parrocchiale di S. Nicolo, XVI sec. Palazzaccio, con eleganti loggette. Civitella dei Pazzi

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Bastia | Bastia

Bastioli - Alt. 200 m. slm - S. Michele, 29 settembre La Storia Sorta presso le rive del Chiascio su di un modesto isolotto, fu chiamata "Insula Vetus" e successivamente "Insula Romana". Nel VI secolo il prosciugamento del Iago rese necessari interventi di fortificazione. Assunse allora le forme di maestoso castello ed è in quest'epoca che prende il nome attuale. Non ebbe un passato storico di grande rilevanza, non sviluppò mai una vita autonoma perché aspramente contesa tra Assisi e Perugia, dalle quali dipese alternativamente. Soggetto alla Signoria dei Baglioni nella seconda meta del sec. XV, rimase loro feudo sino alla estinzione della famiglia (sec. XVII). L’arte Chiesa di S. Croce, del 1300. Parrocchiale e Chiesa di S. Michele Arcangelo, del XIII sec. Chiesa S. Paolo, del XI sec., sede del monastero benedettino, vi si rifugiò Chiara.

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Bettona | Bettona

Bettonesi - Alt. 363 m. slm - S. Crispolto, 12 maggio La Storia Di origine Etrusca l'antica Bettona era un centro importantissimo sulla riva sinistra del Tevere. Probabilmente sorse attorno ai secoli VIII-VII a.C. Dotata di Foro e di un tempio, fu cinta di mura, costruite con blocchi di arenaria. Fu sede vescovile unita ad Assisi dopo l'invasioni barbariche. Con la fine dell'impero Romano subì invasioni e devastazioni dei Goti, Bizantini e Longobardi. Nel medioevo, anche quelle originate dalle lotte fra i Guelfi e i Ghibellini. Munita di castello nel XII secolo, mantenne la propria autonomia sino al 1352, quando si arrese ai Perugini che la distrussero dopo un lungo e memorabile assedio. Ricostruita nel 1367 dal Cardinale Albornoz, appartenne per breve tempo alla chiesa, e nel 1648 tornò definitivamente alla Santa Chiesa. L’arte Pinacoteca, situata nel Palazzo del Podestà. S. Maria Maggiore, del sec. XIII. Oratorio di S. Andrea. Palazzo Baglioni, molto antico.

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Bevagna | Bevagna

Bevanti - Alt. 210 m. slm - S. Vincenzo, 6 giugno La Storia Insediamento di origine Umbra-Etrusca col nome di "Mevania" diventò parte del ducato di   Spoleto dopo l'invasione Longobarda.   Seguì   le   sorti   e   le vicissitudini della sua vicina Foligno. |Nel 1152 fu incendiata da Federico Barbarossa e nel 1249 dalle milizie di Federico II. Nel 1375 fu nuova mente distrutta da Corrado Trinci che, nel 1377, la fece ricostruire fortificandola con muri e torri. L'Arte Piazza Filippo Silvestri, una delle più significative dell'Umbria per la bellezza degli edifici del XII-XIII. Palazzo dei Consoli, del 1270, riccamente ornato. Chiesa di S. Michele, del XII sec. con facciate e porte magnifiche. Mosaico Romano, appartenente alle terme romane. Teatro e Tempio Romano, rimangono solo alcuni resti.

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Calvi dell'Umbria | Calvi dell'Umbria

Calvesi - Alt. 401 m. slm - S. Pancrazio, 12 maggio La Storia Di origine ignota (forse Romana) sorge ai piedi di una catena montuosa completamente ricoperta da querceti e pinete. Appartenne all'Abbazia di Farfa, poi agli Orsini ed agli Anguillara. Dal secolo XIII al sec. XVII conobbe un periodo di notevole splendore economico grazie agli scambi commerciali con Roma. Subì gravi devastazioni nel 1527 per la peste e, nel 1798, per il saccheggio operato dalle truppe Francesi a seguito dello scontro avuto con quelle Napoletane. L'Arte Chiesa di S. Maria, del 1384. Chiesa di S. Antonio. Chiesa di s. Francesco e convento diroccato.

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Campello sul Clitunno | Campello sul Clitunno

Cardellini - Alt. 290 m. slm - S. Donato, 7 agosto La Storia Di probabile origine Romana, prese il nome da un castello eretto nel 925 da Rovere, Barone di Champeux. Nel 1341 fu devastata e sottomessa dallo Spoletino Pietro Pianciani. Fu riconquistata dai Campello nel 1390 rimanendo loro dominio sino a quando passò alla Chiesa. Fece parte del Ducato di Spoleto, di cui seguì le vicende. L'Arte Tempietto del Clitunno, del IV o V sec. S. Maria la Bianca, XVI sec. S. Pietro, XIII sec. Fonti del Clitunno, sorgenti di un piccolo fiume sacro al Dio omonimo

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Cannara | Cannara

Cannaresi - Alt. 191 m. slm - S. Matteo, 21 settembre La Storia Fondata col nome di "Castrum Canarii", si iniziano ad avere sue notizie nei primi del 200. Cannara fu edificata nel 1170. L'antico centro degli Umbri, chiamato dai Romani "Urvinum Hortense", fu eretto nel I secolo a.C. Dopo l'invasione Longobarda, la popolazione decise di spostarsi nella fertile pianura del Topino dove fondò il nuovo centro con case in argilla e canne. Valerio Ranieri vi si rifugiò e costruì il castello chiamandola "Cannaia" per l'abbondanza delle canne che vi crescevano. Nel 1291 combatté contro Assisi avendo per alleata Perugia. Nel 1340 cadde nelle mani di Baglione Baglioni, ma le milizie papali ristabilirono l'ordine e nel 1352 divenne dominio del ducato di Spoleto. Nel 1387 diventò roccaforte dei feroci soldati Brettoni; fu in quell'occasione che Urbano VI ricondusse Cannara all'indipendenza. Nel 1424 Braccio Fortebraccio la concesse a Malatesta Baglioni e nel 1648 passò allo Stato Pontificio.

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Cascia | Cascia

Casiani - Alt. 700 m. slm - S. Rita, 22 maggio Storia L’antico municipio Romano "Carsula", distrutto da un terremoto, fu ricostruito con il nome   attuale.   Nel   553   venne assediata e conquistata dal bizantino Narsete.   Compresa   nel   ducato Longobardo di Spoleto, divenne nel I sec. X una repubblica indipendente con propria moneta. Fu sotto la signoria dei Trinci di Foligno e nel 1228 fu occupata Federico   II.   Devastata   da   un remoto nel 1300, fu ricostruita e fortificata.   Nel   1516 fu nuovamente assediata e la rocca venne distrutta, segno della definitiva sottomissione. Cascia lega il suo nome a Santa Rita. Rita nacque nel   1381   nella vicina Roccaporena. Suo   marito   fu ucciso    

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Castel Giorgio | Castel Giorgio

Castelgiorgesi - Alt. 559 m. slm - S. Pancrazio, 12 maggio; S. Giorgio 23 aprile La Storia II borgo si sviluppò attorno al castello fatto costruire nella seconda metà del sec. XV dal cardinale vescovo Giorgio della Rovere, parente e cameriere segreto del pontefice Sisto IV, per la difesa dello Stato Pontificio. Il vescovo Giorgio portò a Parma un seguito di contadini a dare vita al luogo, il castello venne successivamente distrutto dagli scontri con i vicini signori di Castelrubello e Porano. Dallo stato di abbandono in cui versava venne ricostruito e adibito a palazzo dal cardinale Giacomo Sannesio (1620) che ne fece la sede estiva dei vescovi Orvietani per il clima particolarmente salubre del posto. Per la sua posizione strategica Castel Giorgio ospitò personaggi storici illustri per sancire il tentativo di pace di Castro (1642). Nel XVIII secolo subì il passaggio delle truppe spagnole dirette a Napoli (1743). La funzione del palazzo Sannesio durata fino agli anni 50 dello s

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Castel Ritaldi | Castel Ritaldi

Castelritaldesi -Alt. 297 m. slm - S. Marina, 17 luglio La Storia Di un'epoca imprecisata ma di probabile origine Italica è un pittoresco borgo che sorge sul luogo di un vico Romano intorno ad un castello del 200. Fece parte del Ducato di Spoleto nel VI secolo e nel Medioevo. La sua storia è legata alla città dominante. Castel Ritaldi è un grosso centro agricolo posto in ottima posizione panoramica nella piccola valle del fosso Rovicciano. L’Arte Castello, del '200. Chiesa Parrocchiale di S. Marina. Chiesa di S. Nicolo. Santuario S. Maria della Bruna, del 1510

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Castel Viscardo | Castel Viscardo

Castellasi -Alt. 507 m. slm - S. Antonio da Padova, 22 agosto La Storia Sorto poco dopo il 1300, il castello fu edificato intorno ad una torre costruita dai monaci Benedettini come luogo di lavoro. Sotto il dominio della famiglia Monaldeschi Castel Viscardo, con il suo piccolo ma forte esercito, partecipò alla Dettaglia di Lepanto, riuscendo a strappare una Bandiera dal pennone di una nave turca. Durante a Repubblica Romana, Castel Viscardo, fu unito al Cantone di Orvieto. Nel 1860, nell'atto d'ingresso nell'Italia unita, fu eretto a Comune autonomo. L'Arte Parrocchiale. Castel Viscardo, XV sec. Il Castello, quadrangolare, con quattro torri agli angoli e una sola porta

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Castiglion del Lago | Castiglion del Lago

Castiglionesi - Alt. 304 m. slm - S. M. Maddalena, 22 luglio La Storia       Fondata dagli Etruschi provenienti da Chiusi col nome di "Clusium Novum" sulla quarta isola del Trasimeno, per l’importanza della sua posizione è stata sempre contesa dalle vicine città. Conteso fra Toscani e Perugini, il Castello fu distrutto e riedificato più volte trovando il suo assetto definitivo soltanto nella metà del XIII secolo quando Federico II di Svevia lo fece abbattere e ricostruire da un frate-architetto militare: Elia da Cortona. Ritornata sotto il dominio di Perugia fu feudo dei Baglioni e nel 1550 papa Giulio III la concesse alla sorella Giacoma del Monte, madre di Ascanio della Gogna che nel 1563 fu insignito del titolo di Marchese di Castiglione e deI Chiugi. Per Castiglione del Lago il momento di splendore è nel 1617 quando, elevato a ducato, si caratterizza per un'intensa produzione agricola ed un forte intervento urbanistico. L’ Arte   

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Cerreto di Spoleto | Cerreto di Spoleto

Cerretani -Alt. 567 m. slm - Madonna dei Miracoli, Pentecoste La Storia Sembra che il nome derivi dalla presenza dei boschi di cerri che abbondano nella zona. Nel secolo XIII fu aspramente conteso fra Spoleto e Norcia; fu distrutto dalle truppe di Norcia nel XV secolo. Nel 1550 tornò alla chiesa: nel 1569 aggregato a Norcia e nel 1800 entrò di nuovo, con i Francesi, nelle giurisdizione di Spoleto. Nel medioevo i suoi cittadini erano famosi come girovaghi e mercanti di spezie e ricette. L'Arte Chiesa del Castello, del XII sec. Chiesa di S. Giacomo, XIV-XVI sec. Chiesa Annunciata, all'interno la fonte banesiamie del 1400.

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Citerna | Citerna

Citernesi - Alt. 480 m. slm - S. Michele Arcangelo, 8 maggio LA STORIA E' l'antica Civitas Sobariae di origine etrusca. Fu distrutta dai Goti di Totila e ricostruita nel VII sec. dal Longobardi come avamposto. Nel X sec. fu concessa ad Uguccione Bourbon del Colle, da Berengario, poi appartenete alla Diocesi di Città di Castello ed infine tornò allo Stato Pontificio. L'ARTE Chiesa di S. Francesco, del 1316, ha interessanti pitture del 1500 di Luca Signorelli e Raffaellino del Colle. Chiesa di S. Michele Arcangelo, con una Madonna dei Della Robbia. Ex Convento del Crocefisso, del 1412 con affreschi del Pomarancio. Palazzo Prosperi -Vitelli, XV sec.

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Città della Pieve | Città della Pieve

Pievesi - Alt. 509 m. slm - S. Gervasio, 19 giugno La Storia Situata sul confine tra l'Umbria e la Toscana, subì l'invasioni dei barbari e fu danneggiata soprattutto dai Goti. All'inizio del XIII sec. godette di un periodo di libertà, poi fu di Federico II e nel 1230 di Perugia. Nel 1243 tornò a Federico II che ne elogiò la fedeltà concedendole i privilegi e l'ampliamento del territorio. Alla morte di Federico Perugia punì la città Ghibellina, facendola spopolare da Raniero di Burgarello. Nel 1300 essa era un castello assoggettato a Perugia che le imponeva tasse e chiedeva soldati. Nel 1326 furono iniziati i lavori della Rocca che fu fortificata nel 1371 e 1374. Durante le lotte nobili e popolari fu occupata da Biordo Michelotti nel 1393, poi da Braccio Fortebraccio fino a quando, nel 1424, non fu incorporata nello stato della chiesa. Dopo la morte del Papa Martino V, tornò sotto la protezione ed il governo dei Perugini. Nei primi anni del 500 subì i saccheggi del Valentino che,

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Collazzone | Collazzone

Collazzonesi -Alt. 469 m. slm - S. Lorenzo, 10 agosto La Storia Si fa risalire la sua origine alla famiglia Attone o Azzone. Sorse su di un colle per il controllo e l'accesso alla valle del Tevere. Le milizie Tuderti distrussero il Castello di Collazzone nel 1220 e nel 1221. Ricostruito, fu nuovamente distrutto nel 1331 per poi essere riedificato definitivamente nel 1382. L'Arte       Convento di S. Lorenzo. Chiesa Parrocchiale di S. Lorenzo, restaurata recentemente. Chiesa di S. Michele, risale al XV sec.

Disponibile una fotografia
Continua...


Storia | Corciano | Corciano

Corcianesi - Alt. 408 m. slm - S. Michele, 8 maggio La Storia La millenaria storia di Corciano inizia in epoca etrusca e rimane documentata da pregevoli ritrovamenti archeologici, oggi raccolti e custoditi presso la sede municipale. Nel 1242 Corciano era libero comune, seppur soggetto alle direttive politiche della vicina e dominante Perugia. L'autonomia locale, nel corso dei secoli, rimase limitata ad una gestione amministrativa e finanziaria della cosa pubblica, come ampiamente documentato nello statuto risalente all'anno 1560, custodito presso l'Archivio storico comunale. Nel primo periodo rinascimentale, di cui rimangono caratteristiche costruzioni e pregevoli opere d'arte, la cittadina fu un fiorente centro di attività agricola e artigianale. AI momento dell'annessione al Regno d'Italia Corciano assunse la fisionomia politico-territoriale con la quale è giunta ai giorni nostri, registrando, al censimento dell'anno 1861. L'Arte Chiesa S. Francesco, in stile gotico rom

Disponibile una fotografia
Continua...


Avanti >>
Pag: 1 2 3 4





Menù

Servizi

Mappa