Umbria
Banner Advertisement - esposizioni:  - click:
Centri benessere  | Terme  | Itinerari  | Storia  | Arte  | Prodotti Tipici  | Parchi  | Sport  | Università  | Aziende  | Associazioni  | Teatri  |    

Bookmark and Share
Home > Comuni dell'Umbria  informazioni religiose


13  informazioni religiose 




Informazioni religiose | Terni | Terni

SAN VALENTINO PATRONO DI TERNI San Valentino, nato nel 176 circa, fu consacrato vescovo di Terni nel 197 da san Feliciano,vescovo di Foligno. E' considerato, dalla tradizione popolare, il fondatore della comunità cristiana di Terni e suo primo vescovo, preceduto forse da san Pellegrino e da sant'Antimo, fratello dei santi Cosma e Damiano. Perseguitato per la sua fede, sotto l'imperatore Aureliano, il 14 febbraio a Roma subì il martirio con la decapitazione, ed il suo corpo fu trasportato da Roma a Terni dove fu sepolto al LXIII miglio della via Flaminia. Non conosciamo l'anno esatto del martirio (forse il 273), ma egli fu certamente sepolto sull'amena collina poco fuori Terni dove, attorno alla sua santa sepoltura, sorse un'area cimiteriale cristiana. Là fu eretto un primo oratorio in suo onore (archeologicamente documentato) e poi si succedettero varie chiese fino ad una grande basilica a cinque navate, la quale subì varie trasformazioni lungo il Medio Evo. Presso la tomba d

Disponibile una fotografia
Continua...


Informazioni Religiose | Corporale (SS.) di Orvieto | Orvieto

Corporale (SS.) di Orvieto. È il lino macchiato dal sangue di Gesù, nel miracolo di Bolsena. Esso è contenuto in un ricchissimo reliquario, uno dei più grandi gioielli della oreficeria medioevale, commissionato da Beltramo e Manno Monaldeschi ad Ugolino di Vieri (1338), senese, e suoi aiuti. È sullo stile della facciata del duomo. È d`argento decorato, scolpito e smaltato, pesa 400 libbre ed è alto mt. 1,89 e largo 0,63. L`opera costò allora 1.274 fiorini oro. Nei due sportelli anteriori sono riprodotte in smalto le scene del miracolo e scene dell`Ultima Cena; sulla base la prima infanzia di Gesù, sulla parte posteriore, storia della Passione. Il Corporale e il reliquario sono nella cappella omonima, a sinistra del Duomo. La Cappella è chiusa dalla cancellata in ferro battuto di Matteo da Bologna (1356). La cappella fu edificata tra il 1350 e il 1361. Le pareti e le volte sono coperte di affreschi dei pittori orvietani: Ugolino di Prete Ilario, Domenico Di Meo, Fra Giovanni di Duccio,

Disponibile una fotografia
Continua...


Informazioni Religiose | Corpus Christi | Cascia

Corpus Christi. Il beato Simone (v.) da Cascia, dovendo una volta portare la comunione ad un infermo in Firenze, pose l`Ostia, come allora usava, tra le pagine del suo breviario. Si impresse nelle due pagine del libro l`immagine sanguinosa dell`Ette Homo. Delle due pagine, una fu recata in Cascia (1335) dallo stesso Beato, e l`altra a Perugia. La cosa suscitò subito due fatti: la grande devozione verso il Corpo di Cristo, e una discussione medico-teologica sul miracolo. Circa la devozione, fin dal 1394, il comune di Perugia volle circondare di onore e venerazione la pagina insanguinata. Fu fatto un ricchissimo reliquario e si fissò la festa al primo marzo con luminarie. Il reliquario fu disperso durante l`occupazione francese. Anche gli Statuti di Cascia ordinarono solennità e processioni, offerte di cera. La reliquia si mostrò miracolosa in tempi di siccità. Ricchi doni furono dati per l`incremento di quella devozione. La ricognizione della reliquia fu fatta nel 1691. Circa la disput

Disponibile una fotografia
Continua...


Informazioni Religiose | Corpus Domini | Orvieto

Corpus Domini. Era l`anno 1263 e il prete Boemo, Pietro di Praga era diretto a Roma. Pernottò a Bolsena, presso la chiesetta di Santa Cristina. La mattina si levò di buon`ora e disse Messa. A metà sacrificio, gli tornava più insistente il dubbio se l`ostia consacrata fosse proprio il corpo e il sangue di Cristo. Quando fu sul punto di spezzare l`Ostia, questa spillò sangue come da viva carne. Le gocce caddero abbondanti sul corporale (cioè sul tovagliolo). Il prete scappò in sacrestia. Papa Urbano IV era allora in Orvieto e vi fece portare solennemente la reliquia da Bolsena. In conseguenza del miracolo, lo stesso papa istituì ad Orvieto, l`11 agosto 1264, per tutta la cristianità, la festività del Corpus Domini, con la famosa bolla Transiturus. Già qualche settimana prima di promulgare questo importante atto, il 19 giugno, lo stesso papa aveva preso parte, assieme a numerosissimi cardinali e prelati, venuti da ogni luogo e anche una moltitudine di fedeli, ad una solenne processione, c

Disponibile una fotografia
Continua...


Informazioni Religiose | Francescanesimo | Assisi

Francescanesimo. Sotto questa denominazione va compreso tutto il vario movimento originale dell`opera di San Francesco (v.), nel campo religioso, in quello sociale e in quello culturale. L`Umbria fu la culla di questo movimento. L`opera religiosa di San Francesco fu veramente rivoluzionaria. Il ritorno puro e semplice alla vita evangelica di Cristo e dei suoi primi discepoli. Egli rovesciò la medaglia del suo tempo: la Chiesa, le abbazie, i monasteri vivevano nel lusso, nella corruzione dei costumi, potenti come principati: egli volle non clamorose ribellioni, ma testimonianze di vita. Ordinò a sé stesso e ai suoi frati l`incapacità di possedere denaro e beni singolarmente o in comunità. Alla violenza dei ricchi, dei nobili e dei feudatari, oppose la mitezza, alle lotte fra le fazioni delle città e tra città e città, oppose l`amore; alla dissoluzione della morale, oppose la purezza. E, sempre felice, a tutti augurava: Pace e bene! E non teoricamente o platonicamente, ma predicando e vi

Disponibile una fotografia
Continua...


Informazioni Religiose | Tavole eugubine. Sono 9 tavole di bronzo. | Gubbio

Tavole eugubine. Sono 9 tavole di bronzo, incise da ambo le parti, ritrovate nel 1444 nell`aula del magistrato del teatro romano di Gubbio. Due furono inviate a Venezia per essere interpretate, ma non furono più restituite. Le altre furono vendute al comune di Gubbio da tale Paolo di Gregorio in cambio del diritto di pascolo, il 25/8/1456. Furono studiate da Scipione Maffei nel 1727 e da studiosi tedeschi nel 1851 e più recentemente da Giacomo Devoto sotto l`aspetto filologico, storico e liturgico. Le tavole sono incise in caratteri etruschi, lettura retrograda, dalla I alla V e in caratteri latini e lingua umbra nelle facciate seguenti. La loro redazione deriva da un esemplare, che si fa risalire al IV secolo, quando Gubbio era città-stato. Esse furono incise quando l`Umbria passò dai caratteri etruschi a quelli latini, tra il 300 e l`89 a.C. (Devoto). Il periodo va dal III al II secolo per i caratteri etruschi, dal 150 al 70 a.C. per i caratteri latini. Da queste tavole ricaviamo i

Disponibile una fotografia
Continua...


Informazioni Religiose | Pian d`Arca | Cannara

Nel luogo, al confine fra il Comune di Bevagna e quello di Cannara, la tradizione vuole che avvenne la celebre predica di san Francesco agli uccelli. A testimonianza dell`avvenimento è stata edificata recentemente una edicola con un piccolo spazio protetto per la preghiera.

Disponibile una fotografia
Continua...


Informazioni Religiose | Presepe Vivente di Petrignano | Assisi

Il paese di Petrignano d`Assisi dista 8 km dalla serafica cittadella, sulla destra del fiume Chiascio, "che discende / del colle eletto del beato Ubaldo". Quando più violenta era la lotta tra Assisi e Perugia, qui venne edificato, probabilmente verso il XIV sec., uno dei castelli del contado assisano, baluardo di difesa nel punto nevralgico del passaggio di pellegrini ed eserciti. A sei secoli di distanza, il castello medievale comunica ancora una profonda forza spirituale; dal 1978, l`inventiva dei petrignanesi ha saputo sostituire il ricordo di lontane vicende d`armi, con la rievocazione di un messaggio di pace. L`antica struttura si è rivelata da subito lo sfondo ideale per una ricostruzione storico-religiosa della Natività. L`iniziativa è tra le prime della regione Umbria e certamente la prima nel territorio assisano. Nelle date delle festività natalizie, al calare del sole, il torrione, gli interni del castello con porte, archi e volte ben conservati, i vicoli, gli angoli car

Disponibile una fotografia
Continua...


Informazioni Religiose | Presepe Vivente di Marcellano | Gualdo Cattaneo

Il Presepe vivente di Marcellano (Gualdo Cattaneo)viene realizzato all`interno del Castello che risale al XII° secolo. L`ambientazione è estremamente suggestiva, grazie al fascino del Castello stesso ma soprattutto all`accuratezza con cui vengono ricostruite le scene di vita quotidiana del Presepe: SCENE Ingresso Censimento Scalpellino Vasaio Mercatino Erborista Castagnaro Frantoio Canestraio Tessitrice Forno Casa dei poveri Orafo Falegname Carceri Fabbro Locanda Mercato Sinagoga Molino ad acqua Natività Sito Web Ufficiale > Presepe in Umbria >

Disponibile una fotografia
Continua...


Informazioni Religiose | Presepi d`Italia | Massa Martana

Presepi d`Italia è la Mostra Nazionale del Presepe Artistico, ogni anno decine di presepisti provenienti da tutte le regioni d`Italia espongono le loro opere a Massa Martana. La mostra raccoglie l`interesse di migliaia di visitatori grazie all`originalità dei Presepi esposti. Presepe in Umbria > Sito web Ufficiale Presepi d`Italia>

Disponibile una fotografia
Continua...


Informazioni Religiose | Storia del Presepe di Frattuccia di Guardea | Guardea

Storia del Presepe di Frattuccia 1989 – 2006 Anni fa, precisamente il 1989, il Parroco di Frattuccia Don Domenico Venturi, chiese a Irene Giampetro, se era disposta a realizzare un piccolo presepe, sotto l’altare della chiesa parrocchiale. La proposta fu accolta con piacere però, si penso, che nella terra di S. Francesco, il presepe realizzato all’aperto, avrebbe avuto maggior respiro. L’iniziativa, oltre che essere essenzialmente religiosa, rivestiva anche un carattere educativo e sociale, in quanto avrebbe coinvolto i giovani del paese dando loro la possibilità di socializzare e di esprimersi con gusto e fantasia. Così sorse l’idea di un presepe, diciamo Artistico, alla Frattuccia. Ragazze e ragazzi furono invitati a forgiare i manichini dei personaggi con ferro zincato (lavoro difficile e faticoso). Per fortuna, fu di grande aiuto l’opera di un robusto sardo, Antonio Calaresu, non privo di gusto e di capacità artistiche. Il lavoro andò avanti, s’incominciò a rive

Disponibile una fotografia
Continua...


Informazioni Religiose | Presepe Artistico di Budino | Foligno

Presepe Artistico di Budino Ben 8.000 visitatori una cifra enorme, che non pochi cosiddetti eventi si sognerebbero mai di raggiungere. Una vera precessione di gente proveniente da ogni parte d’Italia, e soprattutto dal Nord, che dalla vigilia di Natale, a mezzanotte in punto, fanno la fila per ammirare il presepe allestito nella frazione folignate di Budino, divenuto famoso lungo i suoi 23 anni di vita, grazie soprattutto al passa parola e solo in questi ultimi tempi anche tramite la via promozionale classica ed informatica. Ma cosa spinge tanta gente a venire a Budino, l’originalità dei suoi 350 movimenti e l’ambientazione che riproduce un antico e suggestivo spaccato di vita umbra, di questa natività ideata e realizzata da Bruno Adriani con la collaborazione di un gruppo di giovani del paese, che la rende diversa da tante altre che vengono allestite in tutta Italia durante le feste natalizie.

Disponibile una fotografia
Continua...


Informazioni Religiose | Betlemme, il grande presepe vivente di Terni | Terni

Anche quest`anno, durante il periodo delle Festività, presso il campo della Basilica di San Valentino di Terni si svolgerà “Il Grande Presepe Vivente di Terni”. L`iniziativa è giunta alla terza edizione e le precedenti hanno avuto un grande successo di pubblico. Lo scorso anno i visitatori sono stati circa quindicimila, al Presepe parteciperanno 200 figuranti e 50 animali, che daranno vita alle rappresentazioni in uno spazio di circa 8.000 mq., sotto una stella cometa posizionata a 40 metri di altezza. Sono in programma sette date (condizioni meteo permettendo). Il Presepe si svolgerà nei giorni di Natale e S.Stefano, il 27 dicembre, nel giorno di Capodanno, il 2 e il 3 gennaio e nel giorno dell’Epifania. L`orario di apertura sarà dalle ore 16 alle 19,30, sempre con ingresso libero. Il pubblico sarà accolto e guidato dai narratori e un apposito ingresso verrà riservato alle persone diversamente abili. www.presepeviventeterni.it 18/12/2009

Disponibile una fotografia
Continua...


Pag: 1





Menù

Servizi

Mappa