Umbria
Banner Advertisement - esposizioni:  - click:
Centri benessere  | Terme  | Itinerari  | Storia  | Arte  | Prodotti Tipici  | Parchi  | Sport  | Università  | Aziende  | Associazioni  | Teatri  |    

Bookmark and Share
Home > Comuni Dell'Umbria > Assisi > Informazioni Religiose > Presepe Vivente di Petrignano


Presepe Vivente di Petrignano

torna pagina precedente stampa questa pagina vai alla galleria fotografica

visto (17555)


Informazioni Religiose Umbria


Il paese di Petrignano d'Assisi dista 8 km dalla serafica cittadella, sulla destra del fiume Chiascio, "che discende / del colle eletto del beato Ubaldo".
Quando più violenta era la lotta tra Assisi e Perugia, qui venne edificato, probabilmente verso il XIV sec., uno dei castelli del contado assisano, baluardo di difesa nel punto nevralgico del passaggio di pellegrini ed eserciti.
A sei secoli di distanza, il castello medievale comunica ancora una profonda forza spirituale; dal 1978, l'inventiva dei petrignanesi ha saputo sostituire il ricordo di lontane vicende d'armi, con la rievocazione di un messaggio di pace. L'antica struttura si è rivelata da subito lo sfondo ideale per una ricostruzione storico-religiosa della Natività.
L'iniziativa è tra le prime della regione Umbria e certamente la prima nel territorio assisano.
Nelle date delle festività natalizie, al calare del sole, il torrione, gli interni del castello con porte, archi e volte ben conservati, i vicoli, gli angoli caratteristici sono avvolti in un'atmosfera mistica, magica. Chiamata a raccolta la comunità ricostruisce l'ambiente ebraico di 2000 anni fa e tra giochi di luci ed ombre si disloca nel castello e lungo il fiume, ravvivando anche i vicoli e gli angoli di solito più nascosti.

Ciò che distingue il Presepe Vivente di Petrignano è la sua finalità benefica. Il Natale vero, infatti, è soprattutto quello di chi ha bisogno e ha diritto all'aiuto di chi può, ricordando che non c'è solo la tradizione e che è necessario dare un senso concreto ai buoni sentimenti. Sfruttando al meglio la poesia, l'emozione religiosa e il romanticismo, in nome della carità e dell'amore cristiano, ogni anno il ricavato del Presepe è devoluto in beneficenza, così che il paese può mostrare la sua solidarietà a realtà come l'Unicef, la Caritas, l'Istituto Serafico di Assisi per Ciechi e Sordomuti, l'Istituto Don Guanella, la Comunità di tossicodipendenti di Spoleto, il Comitato "Daniele Chianelli" per la ricerca e la cura delle Leucemie e Tumori dei bambini, il paese di Molina (Nocera Umbra), colpito dal terremoto, e tante altre.

La realizzazione del Presepe coinvolge tutti, ciascuno mette a disposizione la propria esperienza e il proprio lavoro: dai giovani che da novembre trascorrono i pomeriggi a costruire e montare le scene, agli artigiani, alle donne che realizzano i costumi dei figuranti.
Idee ed iniziative di tutti permettono ad ogni edizione di migliorarsi, aumentare il numero dei personaggi, curare l'ambientazione affinché sia sempre più idonea al periodo storico rappresentato, in modo da incuriosire e soddisfare i visitatori, ma anche per trasmettere loro l'universale messaggio umano e cristiano sempre attuale.

Il presepe vivente, già di per sé una delle tradizioni più suggestive, assume un valore ancor più profondo riuscendo a combinare religiosità, sentimento, atmosfera e solidarietà, risultando non solo una semplice ricorrenza, ma anche un'occasione di riscoperta dei migliori valori umani. Lo scopo è rappresentare il Natale vero, le sue immagini e il suo messaggio, attraverso un'opera che impegna la comunità per giorni e giorni.


Presepe in Umbria >



 Per ogni informazione riguardante l'Umbria Contattaci Segnalateci un errore




Inserisci un link a questa pagina nel tuo sito. Preleva il codice.

<<< Torna indietro





Menù

Servizi

Mappa