Umbria
Banner Advertisement - esposizioni:  - click:
Centri benessere  | Terme  | Itinerari  | Storia  | Arte  | Prodotti Tipici  | Parchi  | Sport  | Università  | Aziende  | Associazioni  | Teatri  |    

Bookmark and Share
Home > Comuni Dell'Umbria > Assisi > Chiese > Basilica di Santa Maria degli Angeli


Basilica di Santa Maria degli Angeli

torna pagina precedente stampa questa pagina vai alla galleria fotografica

visto (18252)


Chiese Umbria


Santa Maria degli Angeli
La Basilica di Santa Maria degli Angeli sorge nella periferia di Assisi. La sua sagoma superba e splendente di marmi bianchi, la statua dorata, scintillante al sole, posta sulla sommità della facciata, si stagliano nitide lungo la pianura che si estende ai piedi della cittadina.
Essa venne realizzata per custodire degnamente alcuni dei luoghi più cari legati alla vita di San Francesco: la Porziuncola (la semplice casupola ove il Poverello di Assisi si riunì con i suoi seguaci agli inizi della sua predicazione elaborando le linee principali del suo Ordine), la Cappella del Transito, che fu il luogo ove egli morì ed infine la Cappella delle Rose, altro luogo prediletto dal Santo.
La Basilica sorse su progetto di Galeazzo Alessi nel XVI secolo, ma venne ricostruita quasi completamente nel XIX secolo ad opera di Luigi Poletti e nel XX dal Bazzani poichè aveva subito gravi danneggiamenti dal terremoto.
La facciata presenta forme di imitazione rinascimentale frammiste a quelle barocche. L'interno, grandioso per le sue proporzioni, è a pianta basilicale con cappelle laterali riccamente decorate.
La Porziuncola
Quando San Francesco la elesse a sua dimora, essa era una piccola cappella benedettina costruita nel IX secolo.
Il luogo era semplice e raccolto ed intorno ad esso si estendevano campi e boschi. Successivamente, quando intorno al Santo si raccolsero sempre più numerosi i compagni, venne restaurata e, nelle vicinanze, sorsero le piccole casupole dei frati.
Qui, come si è già detto, egli elaborò quella Regola che sarà il fondamento dell'ordine dei Frati Minori e che era incentrata intorno ai principi di Povertà, Obbedienza, Castità, simboleggiati, nell'abbigliamento dei francescani, dai tre nodi del cordone che stringe la tonaca.
La costruzione, che si trova ora sotto la cupola della Basilica di Santa Maria degli Angeli, sulla faccia anteriore è abbellita da una facciata gotica addossata alla parete. L'interno estremamente povero ed umile, è molto suggestivo poichè è veramente rispondente a quello spirito di povertà tanto perseguito dal Poverello di Assisi.
A questo luogo è legata l'indulgenza del Perdono. Ogni anno, nei primi giorni di agosto, qui si celebra la festa del Perdono che vede folle di pellegrini provenienti da ogni parte d'Italia.

La Cappella del Transito
Essa si trova sulla destra della Porziuncola all'inizio della parte presbiteriale della basilica di Santa Maria degli Angeli. La costruzione, trasformata in cappella subito dopo la morte di San Francesco e successivamente abbellita, era un tempo un'infermeria, un luogo dove, per volere del Poverello di Assisi, potessero essere assistiti i malati. Fu in questo luogo, giacendo per terra come era sua consuetudine, che egli accolse quella che aveva amato definire "sora (sorella) nostra morte corporale". Nella cappella si possono ammirare, oltre ad alcuni affreschi, la bella statua in terracotta smaltata, insigne opera di Andrea Della Robbia, raffigurante San Francesco.

Il Roseto
È un piccolo giardino dove crescono delle splendide rose senza spine. La tradizione religiosa racconta che San Francesco, per sfuggire alla tentazione del Diavolo, si gettò nudo in mezzo ad esse e che queste stesse rose, per averne straziato il corpo, persero le loro spine mentre le foglie si macchiarono del suo sangue. Si può infatti osservare come anche le foglie ancora oggi abbiano delle screziature rosse.
Accanto al giardino sorge la bella Cappella del Roseto, un insieme di tre ambienti (tra cui la grotta dove era solito pregare San Francesco) in gran parte abbellita da affreschi di Tiberio D'Assisi.






 Per ogni informazione riguardante l'Umbria Contattaci Segnalateci un errore




Inserisci un link a questa pagina nel tuo sito. Preleva il codice.

<<< Torna indietro





Menù

Servizi

Mappa