Umbria
Banner Advertisement - esposizioni:  - click:
Centri benessere  | Terme  | Itinerari  | Storia  | Arte  | Prodotti Tipici  | Parchi  | Sport  | Università  | Aziende  | Associazioni  | Teatri  |    

Bookmark and Share
Home > Comuni Dell'Umbria > Orvieto > Info eventi > LA FESTA DELLA PALOMBELLA AD ORVIETO


LA FESTA DELLA PALOMBELLA AD ORVIETO

torna pagina precedente stampa questa pagina

visto (5685)


Info eventi Umbria


Di solito quieta e silenziosa, la Piazza del Duomo si anima in modo vivacissimo il giorno della Pentecoste.In quel giorno, infatti, sulla piazza si svolge uno spettacolo quanto mai curioso e caratteristico: la Festa della Palombella.Il meccanismo della festa consiste in una lunga corda metallica che, scendendo dal tetto della Chiesa di San Francesco (situata poco lontano) va a finire sulla gradinata ai piedi del Duomo.Alle estremità della corda si trovano due tabernacoli: uno raffigurante il Paradiso, che è posto sul tetto della Chiesa di San Francesco, e un altro raffigurante il Cenacolo, con gli Apostoli e la Vergine, che è invece posto sui gradini del Duomo.Quanto alla « Palombella » essa rappresenta lo Spirito Santo. La festa ha inizio allo scoccare del mezzogiorno. In quel preciso istante la « Palom¬bella », che si trova in u Paradiso » (cioè sul tetto della Chiesa di San Francesco), comincia a scivolare lungo la coi-da accompagnata da frago¬rosi spari di mortaretti. È un volo breve, ma emozionante. E la folla trat¬tiene il respiro mentre la raggiera che racchiude la « Palombella » scende veloce, emettendo lingue, di fuoco. Nell'attimo in cui la colomba raggiunge il « Cenacolo », si accendono delle fiammelle sulle teste degli Apostoli e della Vergine e, contemporaneamente, esplodono in tutta la piazza migliaia di mortaretti intrecciati a festoni di bóssolo.Il volo è riuscito alla perfezione. La folla tira un respiro di sollievo ed acclama gioiosamente. Acclamano specialmente gli Orvietani che da que¬sta cerimonia traggono nuovi presagi per l'annata.E la'Palombella? Eccola qui sana e salva, ormai liberata dalla raggiera!Seguendo una gentile consuetudine, essa verrà offerta in dono a una sposa di Orvieto, la sposa, precisamente, che ha celebrato le nozze per ultima.Ora, a poco a poco, la gente sfolla. La sera, poi, la piazza si rianimerà di nuova folla. Ma sarà una folla estatica, questa, coi volti soffusi di luce: la stessa luce che, diffusa sulla Cattedrale, farà splendere contro il cielo la fantastica facciata ...



 Per ogni informazione riguardante l'Umbria Contattaci Segnalateci un errore




Inserisci un link a questa pagina nel tuo sito. Preleva il codice.

<<< Torna indietro





Menù

Servizi

Mappa